Come non farsi fregare online; 3 regole che ho imparato a mie spese in 15 anni di pazzi e spregiudicati acquisti nell’internet

Come non farsi fregare online

Vero che siamo un brand di Frese per legno ma, siccome nasciamo e vendiamo esclusivamente online (cioè nel web, in internet) , è doveroso spiegarti il perchè è sicuro comprare nel nostro negozio ed aiutarti su come non farsi fregare online.

Compro quasi esclusivamente su Internet dal lontano 1998 e mi ricordo ancora che il primo acquisto sono state delle punte per forare delle tavolette di legno per farci l’impianto stereo in garage (mentre mi esercitavo con le mie invenzioni).

Sono seguiti migliaia e migliaia di acquisti, centinaia di truffe (specialmentecon l’avvento della famosa Postepay, di cui parleremo dopo) e altrettanti reclami, con tanto di denunce alla polizia postale.

Ho pensato che molti di voi potrebbero essere alle prime armi e ho suddiviso tutto in 3 rigide regole che mi pongo ogni volta che sono in procinto di un acquisto, in modo da poterteli distinguere e suddividere chiaramente e precisamente.

Regola n° 1 : Per pagare utilizza sempre Paypall o Amazon Pay (moneta virtuale)

la prima cosa fondamentale in un sito web, che sia Cinese (che non me ne vogliano male), tailandese, giapponese o Italiano, una delle cose su cui potete sempre contare e stare sicuro è la moneta virtuale.

Sono disponibili varie forme di pagamento ma, come nel titolo, vi indico quelle che uso e ho sempre usato personalmente (e sono anche le più diffuse in Italia e nel mondo).

Pagamento tramite Paypall 

è la moneta più usata di tutte ed è completamente Gratuita da parte del compratore; puoi salvare i tuoi dati in modo da non ripeterli ogni volta e puoi collegare anche direttamente il tuo account con il conto corrente in banca ( io ho fatto così, l’unica cosa contro forse è che poi diventa talmente facile comprare che ti perdi in molti acquisti impulsivi)

Puoi registrarti tranquillamente nel loro sito ufficiale, oppure clicca pure QUA (tranquillo, ti puoi fidare di me 🙂 )

E se mi fregano?

Tranquillo, appena vedi qualcosa che non va nel tuo ordine o ricevi qualcosa di sbagliato puoi aprire subito una pratica nel tuo account online e immediatamente bloccano i soldi al commerciante e avviano un’approfondita analisi; stanne certo che se non sei in torto nel giro di poco tempo ti verranno restituiti i tuoi soldi.

Pagamento tramite Amazon Pay

invece forse ti potrà suonare un pò strano e forse non ti suonerà molto famigliare perchè nel mondo è molto utilizzata ma in Italia è uscita da pochi giorni.

Di cosa si tratta? Il colosso Statunitense (lo so è un parolone, ma fa figo no? ) ha creato una applicazione per i venditori da installare nel proprio sito che permettere all’utente (cioè a te) di poter effettuare l’accesso e di poter pagare tramite il tuo account Amazon. 

Si si, hai capito proprio bene ! – con il tuo account di Amazon puoi accedere nel nostro sito (il tempo di testarlo e lo metteremo subito online) e usare lo stesso pagamento che usi su Amazon per poter acquistare da noi … non è stupendo?

Come per quando compri in Amazon o per Paypall sei super tutelato e puoi stare sicuro al 100%.

Per pagare non utilizzare mai la ricarica Postepay o (poco conosciuto in Italia) Wester Union, MoneyGram & co

Potrei stare qua a fare mille esempi e mille altri esempi ancora ma ti faccio solo un piccolo paragone alla “buona”, come piace a me: fai conto che pagare con questi tipi di pagamento equivale a dare i soldi ai tipi all’autogrill che con 50€ ti danno cellulare e computer nuovo ( e alla svelta mi raccomando che sta arrivando la polizia).

Tornando un attimo serio, questi tipi di pagamenti non risultano tracciabili e non sono tutelati dalla legge in nessun modo.

La postepay poteva andare forse agli inizi dell’internet ma, a mio parer, è per questa diavoleria che si era creato il mito del “se compri su Internet sicuramente di fregano”.

Sono i metodi più utilizzati dai truffatori online, ragion percui ti ribadisco di stargli alla larga.

Regola n°2 ; Verifica attendibilità del negozio online

Un’altra cosa importante quando si va in un sito che non si conosce è di verificarne l’attendibilità

Come fare? Una delle prime cose che personalmente controllo è sempre la Partita IVA, che in teoria dovrebbe trovarsi nel footer (cioè il fondo della pagina). Se non la trovate nel fondo pagina cercate in home page e, in caso mancasse, non è a norma della legge (che dice:  La partita IVA deve essere pubblicata obbligatoriamente in home page, ed è ovviamente consigliato inserirla anche assieme a tutti gli altri dati obbligatori.)

 

Footer Fraiser
Ecco il footer (fondo pagina) di Fraiser dove ci sono indicati tutti i dati in modo “legale” e chiaro, proprio perché non abbiamo niente da nascondere

 

Una volta individuata la partita IVA andiamo a cercare su google (o se utilizzate un’altro motore di ricerca) se tutti i dati combaciano e se troviamo riscontro (indirizzo fisico, numero di telefono, mail e più riesci e meglio è)

Subito dopo la Partita IVA controllo le domande frequenti, per vedere se le regole sono chiare e precise , garanzia di acquisto e modalità di reso (anche qua secondo me un negozio che non ha niente da nascondere e da temere dovrebbe avere un servizio reso gratuito e delle forti garanzie …. la nostra è spedizione in 24h o è gratis e reso gratuito …. meglio di così 🙂 ).

importanti sono anche i sigilli di garanzia (vedi foto qua sotto) che ne determinano un controllo da esterni a pagamento (noi ne usiamo un’altro che poi ti spiegherò): Attenzione a verificarne l’autenticità (basta cliccarci sopra)

Regola n° 3 ; Verifica i feedback (o recensioni online)

I feedback dicono tutto in un negozio online e una delle cose da verificare senza meno è proprio quello di cui parla la gente.

Questo è anche il mio preferito e a dirla tutta, dopo tutti questi anni, una volta accertato che abbiamo Paypall (e si perchè compro solo ed esclusivamente con Paypal) vado subito ai feedback.

Esistono due modi principali per avere dei feedback; usare lo strumento interno nel sito o pagare un servizio esterno.

Strumento interno:

é facilmente “taroccabile” (con questo non vuol dire che lo facciano tutti, ci mancherebbe), non ha nessuna persona al di la del proprietario del sito che accetta e controlla le recensioni e, se una persona è “svelta”, può tranquillamente promettere un buono sconto o un regalo al ricevimenti di una recensione positiva.

Mia opinione personale?

Puoi imbattere in due tipi di persone; l’imprenditore che non compra in internet (quindi inesperto) che cade nella trappola di quello che suggeriscono le “ueb agensi” (agenzie che ti curano i siti e le tue cose in internet), oppure il furbetto che tira su recensioni false e ogni giorno ne trova una per farsi una buona reputazione (che poi non vuol dire per forza che ti fregherà sempre, sia chiaro).

Per finire? io non mi fido per niente di queste qua (apparte ebay e amazon, naturalmente, ma questi sono cose a parte)!

Strumento esterno

Decisamente il mio preferito.

E’ un servizio che paghi (profumatamente se usi il migliore) e che non si può raggirare (alcuni facilmente, altri per niente).

Facciamo conto che è una persona al di fuori che non conosci che controlla ogni recensione che lascia il cliente che compra nel sito; la recensione è collegata per forza ad un ordine (scritto) e non può essere cambiata in nessun modo ( non dimostrabile, che vuol dire che se uno da una falsa notizia e io riesco a dimostrare che non è vero questi danno ragione a me e la tolgono).

Recensione verificata
Ecco una recensione appena ricevuta nel nostro sito del servizio “Trustpilot”

 

Uno dei migliori servizi (non dico il migliore solo perchè non li ho provati tutti  …) è Trustpilot, e non perchè lo usiamo noi, ma perchè è un leader a livello mondiale e una volta ho provato a mettere un premio per un feedback positivo (si, ci ho provato ma non per fregare la gente, perchè molti non la lasciano per pigrizia) e mi hanno sospeso l’account … ho dovuto cambiarlo e “darlo a tutti”, in modo da incentivare le recensioni.

 

Ne esistono molti altri, la cosa importante da fare è verificare che l’ultimo feedback sia verificato e non tanto “vecchio”; consiglio di cliccare nel riquadrino che trovate in giro per il sito e entrare nel portale del servizio (spesso le recensioni negative si possono nascondere nello strumento che si installa nel sito.

Per finire ? Super consigliato, 90% dei miei acquisti sono determinati da questi servizi.

Importante da ricordare ? Cliccate sempre nel riquadro ed entrate nel portale del “fornitore” o servizio.


Spero di averti fatto un pò di chiarezza e di aiutarti nel poter acquistare online in tutta sicurezza.

Di modi di verifica ne esistono tantissimi ma la mia esperienza mi ha insegnato che bastano queste 3 regole per tenere al sicuro la propria tasca posteriore dagli sciacalli del web!

Anche per oggi è tutto, vi auguro una buon festa dei lavoratori (che passerò a lavorare nel prossimo articolo, giustamente).

Matteo

PS: Se hai qualche domanda o non ti è chiaro bene qualcosa (tranquillo, a volte rileggo i miei articoli e mi farei da solo delle domande) contattami pure CLICCANDO QUA.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Lascia la tua valutazione

Attendere...

Valutazione media

5.0 / 5
2 utenti hanno già votato
Attendere...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ifi
IMAB GROUP
TeB
Legno Lab
Get Hands Dirty
Stefano il falegname
Makers at Work
Il pancalaio matto
Corriere della Sera
Torna su