Legno di Betulla: Caratteristiche e Applicazioni [Esperto del legno Vol. 3]

Legno di Betulla - Esperto del legno

 

Eccoci finalmente arrivati al terzo appuntamento con la nostra rivista sul legno, che ha l’obiettivo di aumentare le nostre competenze in materia per permetterci quindi di migliorare le nostre amate lavorazioni e rispettare maggiormente l’ambiente in cui viviamo, evitando gli sprechi dovuti ad errori grossolani.

Oggi il pensiero va alle nostre dolci lettrici (eh già…non siete solo voi maschioni ad essere appassionati del legno…magari potrete anche incontrare l’anima gemella all’interno del gruppo Fraiser 😉 ) in quanto abbiamo una dolce protagonista: la Betulla.

Albero di betulla
Albero di betulla

 

 

Introduzione

La betulla è una pianta originaria dell’emisfero Boreale (la metà a nord dell’equatore del nostro pianeta) che può raggiungere i 30 metri di altezza, particolarmente utilizzata come ornamento grazie all’eleganza del fogliame ed in erboristeria per le sue importanti proprietà fitoterapiche.  Consente anche interessanti applicazioni in ambito industriale.

Caratteristiche

  • Buona elasticità e flessibilità: è possibile curvare il legno per realizzare geometrie varie.
  • Media durezza: è facile incidere il legno con il giusto utensile.
  • Media leggerezza: il peso del legno non esiccato si aggira fra 800 e 1090 kg per metro cubo… più o meno come il faggio.
  • Colore chiaro: dal bianco rosato al giallino.
  • Buon assemblaggio mediante colla: è preferibile rispetto all’utilizzo di viti e chiodi.
  • Durabilità limitata: le caratteristiche si degradano con il passare del tempo, soprattutto in termini di resistenza.

Tipologie

Esistono vari tipi di betulla, le principali sono:

  • Betulla bianca o betulla verrucosa o betulla pendula (Betula pendula).
  • Betulla delle torbiere o betulla pelosa (Betula pubescens).

Forniscono un legno sostanzialmente simile, che non differisce né per le proprietà fisiche (aspetto e colore) né per le proprietà meccaniche e tecnologiche (resistenza e lavorabilità) e quindi con riguardo agli utilizzi.

Utilizzi

In ambito industriale ed artigianale, la betulla viene prevalentemente utilizzata per realizzare:

  • Pavimentazioni in legno.
  • Fabbricazione di giocattoli.
  • Utensili da cucina.
  • Interni dei mobili (sono rari i mobili fatti completamente con questo legno).
  • Lavori d’intaglio; industria della carta.
  • Impiallacciature (mediante un sottilissimo tranciato di legno, detto piallaccio, che ricopre un altro materiale, tipicamente multistrato) e compensati (tratteremo i compensati nei prossimi articoli).

Pregi e Difetti

  • Buona lavorabilità e facilità di taglio.
  • Buona attitudine alla finitura: si presta ad essere verniciato.
  • Ottima come combustibile sotto forma di carbone: viene utilizzata come legna da ardere con ridotta densità di fumo, scarsa secrezione di faville (anche dette scintille) ed un buon sviluppo di calore.
  • Resistenza meccanica decrescente nel tempo: vedi caratteristiche.
  • Delicata: maneggiare con cura.
  • Teme l’umidità: sconsigliato l’uso all’aria aperta (anche perché è facilmente attaccabile dai parassiti).

Curiosità

Alla betulla vengono riconosciute interessanti proprietà medicinali: gli estratti fitoterapici e gli infusi (si acquistano in erboristeria) stimolano la diuresi (farai più pipì e perderai un po’ di cellulite…) e vantano virtù antiinfiammatorie nel nostro organismo (prevalentemente nell’apparato urinario ed articolare).

 

Suggerimenti Utili

Per la manutenzione delle opere in betulla occorre spolverare giornalmente le superfici con un panno di cotone morbido e pulire settimanalmente da aloni imbevendo il panno in acqua tiepida e sapone di Marsiglia. In caso di ammaccature delle superfici, si può rimediare fondendoci sopra un bastoncino di cera (basta riscaldarlo con un asciuga capelli).

 

Utensili da utilizzare

Per una produzione limitata consiglio senza ombra di dubbio tutti gli utensili di serie in acciaio super rapido HSS o (meglio ancora) metallo duro HM (HW widia ). Invece per grandi produzione in serie sicuramente, come abbiamo già imparato dai precedenti post, consiglio di adottare il diamante policristallino (PKD o PCD, che è sempre la stessa cosa ma ognuno usa sigle diverse!)

 

Anche oggi siamo giunti alla fine dell’articolo ed abbiamo appreso importanti nozioni sulla betulla, che spero possano esserti utili per le tue prossime lavorazioni.

Ti ricordo che la betulla è una elegante pianta ornamentale e curativa e si merita tutte le nostre attenzioni durante le lavorazioni, per evitare gli sprechi e realizzare delle opere invidiabili dai nostri concorrenti. Utilizzare degli utensili robusti, fatti con materiali certificati da specialisti che non pensano solo all’importazione di prodotti ed a riempire le proprie tasche, è solo uno dei tanti segreti per riuscire ad essere efficienti e produttivi nella propria attività (sia giornaliera che hobbistica).

Perché dico questo ?
Perché hai la possibilità di lavorare come i migliori del tuo settore grazie alla robusta Fraiser e, se fossi in te, non me la farei scappare.

Grazie mille per aver letto anche il terzo volume dell’esperto del legno; per qualsiasi domanda/informazione/curiosità non esitare a scrivermi, sarò lieto di aggiornare il post e cercare di renderlo il più completo possibile per toglierti ogni fastidiosissimo dubbio.

 

A presto

Matteo

It’s a Fraiser generation !

Ti è piaciuto questo articolo?
Lascia la tua valutazione

Attendere...

Valutazione media

4.7 / 5
3 utenti hanno già votato
Attendere...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ifi
IMAB GROUP
TeB
Legno Lab
Get Hands Dirty
Stefano il falegname
Makers at Work
Il pancalaio matto
Corriere della Sera
Torna su